Copias sin limite

Sui legati di lana e di vestimentum: opinioni giurisprudenziali a confronto

por Scotti, Francesca

Artículo
ISSN: 1697-3046
Madrid Iustel 2017
Ver otros artículos del mismo número: 29

Ulpiano e Paolo si occupano del caso di un tale che, dopo aver disposto nel suo testamento un legato di lana, ha con questa realizzato un vestito: il dubbio è se l’abito rientri comunque nella disposizione mortis causa, nonostante nel legato si parli di lana. Mentre Paolo esclude tale possibilità, Ulpiano l’ammette purché si dimostri che il testatore l’aveva prevista. La dottrina tradizionale ha di regola esaminato l’argomento sotto il profilo della specificatio, con esiti spesso contrastanti anche in ragione di ‘pregiudizi’ di natura interpolazionistica. Lo scopo di questo contributo è invece quello di analizzare i frammenti citati alla luce dei risultati delle ricerche antichistiche ed archeologiche in materia, con il supporto dei testi agronomici latini e della Naturalis Historia di Plinio.

Ulpiano and Paul deal with the case of a man who, after disposing a legacy of wool in his testament has made a suit with this wool before dying: the doubt is whether the garment falls into the mortis causa disposition despite the fact that the content of the legacy is wool, not a dress. While Paul excludes this possibility, Ulpiano admitts it as long as it is possible to prove that the testator had admitted the validity of the legacy. The traditional doctrine has usually examined this subject in connection with specificatio’s regime with frequent conflicting results sometimes determined by ‘prejudices’ of interpolations. The purpose of this essay is instead to analyze the mentioned fragments in the light of the results of ancient and archaeological studies on this matter with the support of Latin agronomic texts and Pliny’s Naturalis Historia.

Tabla de Contenidos

Premessa
1. Contenuto del legato di lana
2. Contenuto del legato di vestimentum
3. Il caso dell’abito confezionato (prima dell’apertura della successione) con la lana legata


  • Formato: PDF
  • Tamaño: 360 Kb.

Agregar valoración

Para este apartado es necesario identificarse mediante la opción "Acceso" en el menú superior

Ulpiano e Paolo si occupano del caso di un tale che, dopo aver disposto nel suo testamento un legato di lana, ha con questa realizzato un vestito: il dubbio è se l’abito rientri comunque nella disposizione mortis causa, nonostante nel legato si parli di lana. Mentre Paolo esclude tale possibilità, Ulpiano l’ammette purché si dimostri che il testatore l’aveva prevista. La dottrina tradizionale ha di regola esaminato l’argomento sotto il profilo della specificatio, con esiti spesso contrastanti anche in ragione di ‘pregiudizi’ di natura interpolazionistica. Lo scopo di questo contributo è invece quello di analizzare i frammenti citati alla luce dei risultati delle ricerche antichistiche ed archeologiche in materia, con il supporto dei testi agronomici latini e della Naturalis Historia di Plinio.

Ulpiano and Paul deal with the case of a man who, after disposing a legacy of wool in his testament has made a suit with this wool before dying: the doubt is whether the garment falls into the mortis causa disposition despite the fact that the content of the legacy is wool, not a dress. While Paul excludes this possibility, Ulpiano admitts it as long as it is possible to prove that the testator had admitted the validity of the legacy. The traditional doctrine has usually examined this subject in connection with specificatio’s regime with frequent conflicting results sometimes determined by ‘prejudices’ of interpolations. The purpose of this essay is instead to analyze the mentioned fragments in the light of the results of ancient and archaeological studies on this matter with the support of Latin agronomic texts and Pliny’s Naturalis Historia.

Tabla de Contenidos

Premessa
1. Contenuto del legato di lana
2. Contenuto del legato di vestimentum
3. Il caso dell’abito confezionato (prima dell’apertura della successione) con la lana legata


  • Formato: PDF
  • Tamaño: 360 Kb.
  • Lectura offline protegida
  • Lectura online

Agregar valoración

Para este apartado es necesario identificarse mediante la opción "Acceso" en el menú superior
  • Español